Pane ai Cereali Integrali

Ingredienti:

100 grammi farina integrale per ogni tipo:
grano, segale, orzo, avena, soia e bianca per 500 grammi in totale
500 ml latte di parzialmente scremato
2 cucchiaini di zucchero
50 grammi di lievito madre o lievito di birra
2 cucchiai olio extravergine d’oliva
1 cucchiaio di semi di cumino
1 cucchiaio di semi di sesamo

Procedimento

Mescolare in una terrina il lievito sbriciolato e sciolto nel latte tiepido con l’olio, i semi ed il sale.

Aggiungere le farine ed impastare.

Coprire la terrina e lasciar lievitare al caldo per mezz’ora.

Adagiare l’impasto sulla spianatoia e lavorarlo per 15 minuti.

Ungere gli stampi a cassetta o le teglie (a seconda della forma che volete dare ai pani) e mettervi l’impasto.

Lasciar lievitare per la seconda volta per almeno 2 ore.

Cuocere in forno già ben caldo a 210 gradi per 35 minuti minuti.

10 motivi per cui mangiare pane ai cereali integrali fa bene:

Mangiare pane ai cereali integrali fa bene perché riduce il rischio di:

    1. Insufficienza cardiaca del 30%
    2. Cancro all’intestino tenue
    3. Cancro al pancreas
    4. Diabete di tipo 2
    5. Insorgenze di malattie
    6. Cancro al colon e al colon retto
    7. Problematiche di ipertensione arteriosa
    8. Paradontosi
    9. Mortalità da malattie cardiovascolari e malattie coronariche
    10. Sindrome metabolica

Storia del Pane

Il pane più antico di cui si abbia certezza risale circa al 12000 a.C. ed è stato ritrovato in Giordania: veniva preparato macinando fra due pietre una miscela di cereali e mescolandola con acqua. L’impasto finale veniva cotto su una pietra rovente.

Intorno al 3500 a.C. gli Egizi scoprirono la fermentazione, con cui un impasto lasciato all’aria veniva cotto il giorno dopo; ne risultava un pane più soffice e fragrante. Per gli Egizi il pane non era solo una fonte di cibo ma anche di ricchezza.

Gli Ebrei mangiano pane azzimo, “Matzah”, in occasione della commemorazione dell’esodo dall’Egitto: l’uso del pane non lievitato è simbolo dell’accingersi a intraprendere il viaggio, data la rapidità della preparazione e l’ottima possibilità di conservazione di tale tipo di pane.

In ricordo dell’Ultima cena di Gesù Cristo il pane azzimo, sotto forma di ostie, viene utilizzato nell’Eucaristia da alcune confessioni cristiane (cattolici di rito latino, luterani), mentre altre Chiese (riformate, ortodosse, etc.) utilizzano pane lievitato.

Dall’Egitto l’arte della panificazione passò in Grecia. I greci divennero ottimi panificatori, ne producevano più di 70 qualità. Aggiunsero alle ricette di base ingredienti come: latte, olio, formaggio, erbe aromatiche e miele. Furono anche i primi a preparare il pane di notte. Un tempo nelle campagne ogni famiglia o gruppo di famiglie faceva il pane in casa e lo impastava con la Gramolatrice.

Collegamenti Utili

Tofu Strapazzato
Baba Ganoush
Riso e Latte

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi