Chi è paziente è forte

Chi è paziente è forte

“Ci sono otto emozioni che ci dominano: il desiderio, l’odio, l’adorazione, la gioia, l’angoscia, la rabbia, il dolore e la paura.
Non lasciarti trasportare e dominare da queste otto emozioni.
Osservale, ascoltale, vivile con distacco.
Sii paziente, ovvero dominale senza esserne dominato.
La pazienza è forza.”

L’Oracolo dell’Alba

La Pazienza

Personificazione della Pazienza in un’incisione di Hans Sebald Beham, 1540
La parola pazienza ha origine dal latino volgare patire (cfr. il greco pathein e pathos, dolore corporale e spirituale).

La pazienza è la facoltà umana di rimandare la propria reazione alle avversità, mantenendo nei confronti dello stimolo un atteggiamento neutro. La pazienza è una qualità e un atteggiamento interiore proprio di chi accetta il dolore, le difficoltà, le avversità, le molestie, le controversie, la morte, con animo sereno e con tranquillità, controllando la propria emotività e perseverando nelle azioni. È la necessaria calma, costanza, assiduità, applicazione senza sosta nel fare un’opera o una qualsiasi impresa.

Pazienza si chiama anche una parte dell’abito di alcuni ordini religiosi ed ha lo stesso significato di scapolare.

Nel diritto la pazienza è la limitazione dell’esercizio di un diritto (la pazienza di servitù, ad esempio, è la negazione di un transito di servitù).

Modi di dire

Perdere la pazienza: significa incapacità di frenarsi, di contenere l’ira; modo di dire contrario è: armarsi di santa pazienza.
La pazienza di Giobbe ha riferimento al personaggio biblico, che tollerò con saldezza d’animo le peggiori avversità.
La pazienza di Dio significa l’infinita misericordia di Dio. La pazienza di Cristo si riferisce al periodo trascorso da Gesù nel deserto prima di iniziare la predicazione.
Avere pazienza da certosino ha il valore di un’attesa prolungata; abusare della pazienza altrui è una forma di espressione retorica, a volte di cortesia, usata anche nelle lettere.
Abbi o abbia o abbiate pazienza è sempre un’espressione retorica, adoperata in varie circostanze o come scusa per una mancanza.
Gioco di pazienza è un hobby e un gioco che richiede tempo e impegno (puzzle).
Albero della pazienza: così era detto il sicomoro e la Melia azedarach che produce semi sferici e duri usati per le corone del rosario.
Benedetta pazienza, santa pazienza, sono espressioni di insofferenza e di collera.
Stancare la pazienza di secoli significa l’evolversi molto lentamente.

Proverbi

Con la pazienza s’acquista scienza.
La pazienza è la virtù dei forti.
Faresti/e perdere la pazienza anche ai Santi.
La mia pazienza non è infinita.
La pazienza è amara, ma il suo frutto è dolce (Jean-Jacques Rousseau).
Quo usque tandem abutere, Catilina, patientia nostra’? Fino a quando, Catilina, abuserai dunque della nostra pazienza? (Cicerone).
… Alle grandi ingiurie cresci la pazienza; esse ingiurie offendere non ti potranno la tua mente (Leonardo da Vinci).
La pazienza è la più eroica delle virtù, giusto perché non ha nessuna apparenza d’eroico (Giacomo Leopardi).

Approfondimenti

https://it.wikipedia.org/wiki/Pazienza

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi