Yin Yang – Lao Tzu – La Saggezza del Tao

Il concetto di yin (nero) ([ín]) e yang (bianco) ([jǎŋ]) ha origine dall’antica filosofia cinese, molto probabilmente dall’osservazione del giorno che si tramuta in notte e della notte che si tramuta in giorno o dalle osservazioni e riflessioni che Laozi faceva nei confronti del fuoco, notandone il colore, il calore, la luce e la propensione della fiamma di svilupparsi verso l’alto. Da qui tutta la classificazione in “yin” e “yang” anche di ogni fenomeno naturale (es. il fuoco è caldo, emette luce, sale verso il cielo quindi yang). Questa è una concezione presente nelle due religioni propriamente cinesi: Taoismo e Confucianesimo.

Questo concetto è anche alla base di molte branche della scienza classica cinese, oltre ad essere una delle linee guida della medicina tradizionale cinese. Esso è pure un punto centrale di molte arti marziali cinesi o esercizi come baguazhang, taijiquan, Qi Gong e della divinazione I Ching.

Caratterizzazione

I caratteri tradizionali per yin (陰T, 阴S, yīnP) e yang (陽T, 阳S, yángP) possono essere separati e tradotti approssimativamente come il lato in ombra della collina (yin) e il lato soleggiato della collina (yang). Siccome yang fa riferimento al “lato soleggiato della collina”, esso corrisponde al giorno e alle funzioni più attive. Al contrario, yin, facendo riferimento al “lato in ombra della collina”, corrisponde alla notte e alle funzioni meno attive. Il concetto di yin e yang può essere illustrato da questa tabella:

YIN – YANG
oscurità – luminosità
confusione – chiarezza
terra – cielo
demoni – dèi
luna – sole
notte – giorno
passivo – attivo
freddo – caldo
negativo – positivo
nord – sud
ovest – est
terra – aria
acqua – fuoco
sfortuna – fortuna

Lo yin (nero) e lo yang (bianco) sono anche detti “i due pesci yin e Yang” (陰陽魚), perché sono due metà uguali con la maggior concentrazione al centro e sul rispettivo lato, quando lo yang raggiunge il suo massimo apice comincia inevitabilmente lo yin. Le due polarità non implicano affatto la divisione yin = male e Yang = bene, ma semplicemente due polarità energetiche (Tao te Ching).

Parlare troppo non lascia spazio al fare.
Lao Tzu – La Saggezza del Tao

Origine

Prima della creazione dell’universo esisteva solo il Wu Chi, che possiamo definire il potenziale nulla; da qui poi ha inizio il Tai-Chi che è la prima forza che nasce, poi dividendosi crea lo yin e lo yang. Questi si uniscono in modo armonioso, infatti si rappresenta con un cerchio con le due metà separate da una linea curva. In ogni metà è presente una piccola quantità del rispettivo opposto: nello yin è presente un po’ di yang e nello yang è presente un po’ di yin. Possiamo trasportare il concetto nella cultura occidentale dicendo che nel male è presente un po’ di bene e nel bene un po’ di male.

Principi

Tutto il mondo manifesto si regge sui due principi Yin e Yang;

  1. Lo yin e yang sono opposti: qualunque cosa ha un suo opposto, non assoluto, ma in termini comparativi. Nessuna cosa può essere completamente yin o completamente yang; essa contiene il seme per il proprio opposto.
  2. Lo yin e lo yang hanno radice uno nell’altro: sono interdipendenti, hanno origine reciproca, l’uno non può esistere senza l’altro.

Link Utili

Yin e Yang – Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.
Mappa: Chan Dào (ZENTAO) – Yin Yang – Wu Xing – Yi Jing
Laozi

Un pensiero riguardo “Yin Yang – Lao Tzu – La Saggezza del Tao

  • 2011-02-23 in 10:54
    Permalink

    Non c’è niente di originale..
    Tutto appartiene a questo eterno presente che cambia.

    There’s nothing of original..
    All belongs to this everchanging eternal present.

I commenti sono chiusi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi